Statuto

Costituzione

ART. 1

E’ costutito il “MOSCA CLUB VALLESINA”, con sede in Jesi Via Cesare Battisti n. 31, esso è assolutamente apolitico e non si prefigge scopi speculativi.

Scopi

ART. 2

Il Club ha lo scopo di raggruppare esclusivamente i pescatori “a Mosca”, onde promuovere iniziative atte a conseguire il miglior svolgimento di tale sistema di pesca.
Collabora inoltre con gli enti preposti alla tutela, alla salvaguardia del patrimonio ittico, alla difesa ed al miglioramento dell’ambiente naturale e fluviale.

Soci

ART. 3

Possono far parte del Club chiunque ne faccia richiesta e versi la quota sociale stabilita dal Consiglio Direttivo all’ inizio dell’ anno.

Con la richiesta di ammissione a socio si intendono accettate e conosciute tutte le disposizioni dello statuto sociale.

I soci hanno diritto a partecipare alla vita associativa senza alcuna limitazione temporale a tale diritto.

La quota associativa è intrasmissibile e non rivalutabile; fatta salva la possibilità del suo trasferimento mortis causa.

ART. 4

Nell’ ambito del Club non potrà essere svolta, né dai consiglieri né dai soci, attività commerciale o competitiva o comunque in contrasto con gli interessi del Club medesimo.

Ogni socio potrà rendersi promotore di iniziative che rientrino nell’ attività del Club; in tal caso dovrà darne comunicazione alla segreteria, affinché ne vengano informati gli altri soci, che potranno parteciparvi se lo desiderano.

ART. 5

Il Club non prevede tra le sue attività l’ organizzazione di gare di pesca e si dichiara contrario a quelle manifestazioni agonistiche organizzate in modo tale da provocare alterazioni o danni a carico della struttura delle comunità ittiche.

Il Club ha la facoltà altresì di organizzare tutte quelle manifestazioni in conformità alle finalità istituzionali nei confronti dei soci del Club e nei confronti degli associati o partecipanti di altre associazioni che svolgono la medesima attività e che per legge, regolamento o statuto fanno parte di una unica organizzazione locale o nazionale, volte a diffondere la tecnica della pesca con la mosca artificiale.

Assemblea Generale

ART. 6

L’ assemblea generale dei soci è convocata in sede ordinaria dal Consiglio Direttivo almeno una volta all’ anno entro il mese di Marzo. Potrà essere convocata in sede straordinaria tutte le volte che il Consiglio Direttivo lo reputi opportuno.

ART. 7

L’ avviso di convocazione dell’assemblea dei soci verrà inviato per lettera, per e-mail o per SMS; in esso dovrà essere contenuto l’ ordine del giorno sul quale l’ assemblea dovrà deliberare.

ART. 8

L’ assemblea Generale, sia in seduta ordinaria che straordinaria, è valida con qualsiasi numero di soci presenti; le sue deliberazioni sono impegnative anche per gli assenti quando siano prese in conformità della legge e del presente statuto.

ART. 9

Ciascun socio, maggiore di età, ha il diritto di voto per l’approvazione e le modificazioni dello statuto, dei regolamenti e per la nomina degli organi direttivi del Club.

Non sono ammesse deleghe e le deliberazioni dell’ assemblea sono assunte a maggioranza semplice; in caso di parità di voto la proposta si intende respinta.

Attribuzioni dell'Assemblea

ART. 10

L’Assemblea generale ha le seguenti attribuzioni:

  1. elegge il Consiglio Direttivo;
  2. elegge il Consiglio dei revisori dei conti;
  3. discute e delibera sulla relazione tecnico-morale, finanziaria della gestione sociale;
  4. approva i bilanci;
  5. delibera sulle eventuali proposte di modifica dello statuto sociale;
  6. decide sullo scioglimento del Club (è richiesta la maggioranza dei 2/3 dei presenti);
  7. delibera, in caso di scioglimento, sulla destinazione del patrimonio del Club.

Non è consentito distribuire, anche in modo indiretto, utili o avanzi di gestione, nonché fondi, riserve o capitali durante la vita dell’Associazione, salvo che la destinazione o la distribuzione non siano imposte dalla legge.

Consiglio Direttivo

ART. 11

Il Club è retto da un Consiglio Direttivo composto da un numero di soci non superiore a 11 (undici).

Il Consiglio dura in carica tre anni e tutti i suoi componenti sono rieleggibili.

Attribuzione del Consiglio Direttivo

ART. 12

Il Consiglio Direttivo ha il compito di:

  1. eleggere tra i suoi membri il Presidente, il Vice Presidente, il Segretario;
  2. provvedere all’amministrazione del Club;
  3. deliberare il bilancio preventivo ed il conto consuntivo da presentare all’Assemblea;
  4. dare esecuzione alle decisioni dell’assemblea generale;
  5. deliberare la convocazione dell’assemblea generale in sede Ordinaria o Straordinaria e formulare il relativo ordine del giorno;
  6. decidere la sospensione o radiazione di soci per gravi motivi di ordine civile o morale o di inosservanza dello statuto;
  7. decidere l’ammontare di anno in anno della quota di partecipazione al Club.

Sarà inoltre compito del Consiglio Direttivo garantire un idoneo regime pubblicitario per le deliberazioni assembleari assunte, per i bilanci approvati dall’Assemblea, tramite comunicazioni scritte ai Soci o mediante affissione presso la sede dell’Associazione.

ART. 13

Il Consiglio Direttivo è convocato dal Presidente, tramite la segreteria, mediante lettera, e-mail, SMS o comunicazione telefonica.

Il Consiglio Direttivo può deliberare solo con la presenza della maggioranza dei suoi componenti.

Le deliberazioni devono essere prese a maggioranza dei presenti, in caso di parità prevale il voto del Presidente.

Presidente

ART. 14

Il Presidente è investito della firma e rappresenta il Club di fronte a terzi ed in giudizio.

In caso di impedimento temporaneo del Presidente, l’esercizio delle sue funzioni è assunto dal Vice Presidente.

In caso di dimissioni del Presidente, il Consiglio Direttivo provvede alla elezione, tra i sui membri, di un nuovo Presidente.

Analogamente si provvede alla eventuale sostituzione, per dimissioni, del Vice Presidente e del Segretario.

Coloro che subentreranno in sostituzione dei dimissionari, resteranno in carica per il periodo in cui vi sarebbero restati i dimissionari stessi.

Revisore dei Conti

ART. 15

Il Collegio dei Revisori dei Conti è composto da un numero di soci non superiore a tre (tre); dura in

carica tre anni e tutti i suoi componenti sono rieleggibili; ad esso sono demandate tutte le attribuzioni di legge in ordine al controllo dell’amministrazione del Club.

Scioglimento del Club

ART. 16

In caso di scioglimento del Club, per qualunque causa, in riferimento all’art. 10 punto g, il patrimonio dello stesso Club sarà devoluto ad altra Associazione con finalità analoghe o ai fini di pubblica utilità, sentito l’organismo di controllo di cui all’art. 3, comma 190, della Legge 23 dicembre 1996 n. 662 e salvo diversa destinazione imposta dalla Legge.

Norme varie e finali

ART. 17

Tutte le cariche sociali sono gratuite.

Per quanto non contemplato nel presente statuto si deve fare riferimento alle norme in materia del Codice Civile.

Pin It on Pinterest